Swarm Trading: la vera rivoluzione a Wall Street

L’alta tecnologia incontra l’alta finanza

Gli eventi a Wall Street sono diventati così strani che si dice che Netflix stia progettando uno show per immortalarli. Ma quale dovrebbe essere la trama? Una storia è quella di un movimento anti-establishment che provoca il caos nell’alta finanza, proprio come ha fatto in politica. Un’altra è quella di come le azioni volatili, i trader online impettiti e le corse al contante nelle società di intermediazione segnalano che il mercato è pronto a crollare. Entrambi sorvolano su ciò che sta realmente accadendo.

La tecnologia dell’informazione viene usata per rendere il trading libero, per spostare i flussi di informazioni e per catalizzare nuovi modelli di business, trasformando il funzionamento dei mercati. E, nonostante il clamore delle ultime settimane, questo promette di portare grandi benefici a lungo termine.

Non aspettatevi che gli sceneggiatori si soffermino su questo, ovviamente. Si concentreranno sugli 8 milioni di seguaci di WallStreetBets, un forum d’investimento su Reddit, che hanno inventato un nuovo avventurismo finanziario: lo chiamano swarm trading*. Insieme, hanno alzato i prezzi di alcune imprese che erano nell’ombra, a fine gennaio. Questo ha innescato grandi perdite presso gli hedge fund che avevano scommesso sul calo dei prezzi delle azioni (vedi Buttonwood). E ha portato a una stretta di cassa ai broker online che devono aumentare le garanzie se la volatilità sale. Dal 28 gennaio, il più importante, Robinhood, ha raccolto 3,4 miliardi di dollari per rinforzarsi.

*(Nota del traduttore Antonio Meleleo: la Particle Swarm Optimization è una tecnica di ottimizzazione costituita da un algoritmo che mima il comportamento animale non coordinato da un regista come ad esempio: uno stormo di uccelli o uno sciame d’api. L’insieme delle soluzioni candidate sono definite come uno sciame di particelle che possono muoversi attraverso e all’interno dello spazio parametrico. Le traiettorie seguite dalle particelle sono guidate dalle migliori prestazioni di ogni singola particella e da quella delle particelle vicine.)

Lo sciame sembra essersi spostato. Questa settimana il prezzo di alcune azioni favorite dagli operatori “tradizionali” è crollato e l’argento ha fatto un balzo verso l’alto. Nel frattempo, in molti mercati le normali regole del gioco sono state sospese. Quasi 300 “spac” (Special Purpose Acquisition Companies, sono dei veicoli privi di attività operative, che vengono costituiti da un team di promotori, gli Sponsor, per raccogliere capitali sul mercato attraverso la quotazione in borsa) si sono quotate l’anno scorso, raccogliendo oltre 80 miliardi di dollari e permettendo alle aziende di fluttuare senza il fastidio di un’offerta pubblica iniziale (ipo). Tesla è diventata la quinta azienda più preziosa d’America. Bitcoin, essendo passato dalla zona marginale di interesse al mainstream, ha un valore totale di 680 miliardi di dollari. I volumi di trading per le azioni sono ai massimi da almeno un decennio e quelli per alcuni derivati sono fuori scala.

Parte della spiegazione è che i salvataggi del governo hanno messo un floor al debito ad alto rischio. Le banche hanno così tante riserve di liquidità – ad esempio la dotazione di JPMorgan Chase è aumentata di 580 miliardi di dollari durante la pandemia – che stanno allontanando i depositanti. Invece di usare il lockdown per imparare il mandarino e scoprire Tolstoj, alcune persone hanno usato i loro assegni di sussidio per fare daytrading. Anche se il sentore di comportamenti manicali è allarmante, si possono trovare ragioni per sostenere i prezzi di oggi. Quando i tassi d’interesse sono così bassi, altre attività sembrano relativamente attraenti. Rispetto al rendimento reale dei Treasuries a cinque anni, le azioni sono più economiche di prima del crollo del 2000.

L’eccitazione riflette anche un cambiamento fondamentale nella finanza

Negli ultimi decenni i costi di trading per le azioni sono crollati fino a circa zero. I primi a beneficiarne sono stati i fondi quantitativi e i grandi asset manager come BlackRock. Anche gli investitori al dettaglio sono inclusi, ed è per questo che a gennaio hanno rappresentato un quarto di tutto il trading. Nel frattempo, i flussi di informazioni, la linfa vitale dei mercati, vengono disaggregati. Le notizie sulle aziende e sull’economia prima provenivano da rapporti e riunioni governate dalle leggi sull’insider trading e sulla manipolazione del mercato. Ora invece un vasto bacino di dati istantanei provenienti dallo scraping di siti web, dal tracciamento di sensori industriali e dal monitoraggio delle chiacchiere sui social media è a disposizione di coloro che hanno uno schermo e il tempo per farlo. Infine, nuovi modelli di business stanno passando per Wall Street. Le spac sono una ribellione della Silicon Valley contro il costo e la rigidità delle ipos. Robinhood, una piattaforma tecnologica californiana, esegue gli scambi attraverso Citadel, un broker di Chicago. In cambio del trading gratuito, le compravendite degli utenti sono indirizzate ai broker che, come su Facebook, pagano per raccogliere i dati da loro.

Lungi dall’essere una moda passeggera, la perturbazione dei mercati si intensificherà. I computer possono aggregare panieri di asset illiquidi e impiegare algoritmi per prezzare asset simili ma non identici, espandendo l’universo degli asset che possono essere scambiati facilmente. Una percentuale in forte aumento di obbligazioni viene scambiata attraverso fondi liquidi negoziati in borsa, intermediati da una nuova razza di marketmaker, come Jane Street. Contendenti come Zillow stanno cercando di rendere le vendite di case veloci ed economiche, e col tempo potrebbero seguire le partecipazioni in proprietà commerciali e in private equity.

Sulla carta questa digitalizzazione è molto promettente. Più persone saranno in grado di accedere ai mercati a basso costo, partecipare direttamente alla proprietà di una più ampia gamma di beni e votare su come vengono gestiti. Il costo del capitale per le attività illiquide di oggi scenderà. Sarà più facile abbinare la propria esposizione alla propria propensione al rischio.

Il progresso finanziario è spesso caotico

La prima volta, le innovazioni possono causare crisi, come ha fatto il boom del credito strutturato nel 2007-09. La capacità dei social media di diffondere disinformazione e contagio è una preoccupazione. È difficile vedere come alcune attività sottostanti giustifichino i rialzi dei prezzi delle ultime settimane. Alcuni temono che le potenti aziende che accumulano i dati dei singoli investitori li sfruttino a loro vantaggio. Già la saga di Robinhood ha portato i politici di destra e di sinistra a preoccuparsi delle perdite per gli investitori al dettaglio, delle attività mal valutate e della minaccia alla stabilità finanziaria se l’infrastruttura di mercato dovesse essere sopraffatta dal passaggio degli investitori da un’attività all’altra. È interessante notare che l’unico grande mercato azionario dominato da investitori al dettaglio tecnologicamente sofisticati è quello cinese. Il suo governo impiega la censura e una serie di controlli sui prezzi e sul comportamento per cercare di tenerlo sotto controllo.

Anche se questo non è fortunatamente un’opzione in America, gli strumenti dei regolatori hanno bisogno di essere aggiornati. Deve essere chiaro che gli speculatori, dilettanti e professionisti, continueranno a subire perdite, anche se attirano la simpatia dei politici. L’irrazionalità prospera nelle politiche online perché non impone alcun costo diretto. Al contrario, nei mercati le perdite agiscono come una forza disciplinante. Se le attività più spumeggianti di oggi crollano, il conto potrebbe essere forse di $2trn: doloroso ma non catastrofico in un mercato azionario che vale $44trn.

Non dimenticare la seconda stagione

Anche le regole sull’insider trading e la manipolazione devono essere modernizzate per affrontare i nuovi flussi di informazioni. La stupidità, l’avidità e l’istinto omicida sono tutti perfettamente accettabili: l’inganno, compresa la diffusione di disinformazione, non lo è. I dati sensibili che influenzano i prezzi devono essere tenuti ampiamente disponibili. E i canali devono essere rinnovati. Il sistema americano di regolamentazione degli scambi funziona con un ritardo di due giorni, creando un disallineamento temporale che può portare a carenze di liquidità. Esso deve essere in grado di far fronte ad un trading più veloce in una gamma crescente di beni, in modo che il sistema possa resistere ad un crash. Il dramma televisivo di Netflix senza dubbio lancerà eroi del daytrading come Roaring Kitty contro i malvagi professionisti di Wall Street. Ma fuori finzione dello schermo, nella vera rivoluzione della finanza, un cast molto più grande potrebbe vincere.

Il nostro FinHuman si inserisce proprio qui

La velocità della rivoluzione tecnologica nel mondo della Finanza richiede nuovi paradigmi per lo sviluppo delle proprie conoscenze, competenze e soprattutto abilità.

Essere protagonisti nei nuovi scenari significa essere più bravi della AI – Intelligenza Artificiale – quando si tratta di “Sentire” i Clienti.

Abbiamo dato il nome #FinHuman per affiancarlo all’acronimo #FinTech e dare l’idea del dinamismo del nostro approccio: un approccio “biologico” alla consulenza patrimoniale che si basa su un’esperienza iniziata nel 1990 e soprattutto su una ricerca scientifica basata sulle più recenti scoperte delle Neuroscienze che dura da più di 15 anni.

Neuroscienze, Psicologia Comportamentale, Biologia, Linguistica, Economia, Finanza, Information Technology e tutte le discipline utili ad un Nuovo Approccio alla Consulenza.

Antonio Meleleo #FinHuman

traduzione e commento dell’articolo https://www.economist.com/leaders/2021/02/06/the-real-revolution-on-wall-street

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.